La guerra dei mondi

Il ventitreenne regista di teatro Orson Welles, mise in onda “La guerra dei mondi”, adattamento radiofonico del romanzo di H.G. Wells, al Mercury Theatre on the Air. Gli ascoltatori credettero tutti che quello che si narrava fosse realtà, la Terra era stata invasa dagli alieni. Da  una trasmissione settimanale della CBS in cui si proponevano letture di celebri romanzi, il 30 ottobre 1938 si scatenò il putiferio per le strade e nelle città!

war-of-the-worlds-by-orson-welles

The war of the worlds – New York Times (1938)

La trasmissione de La Guerra dei mondi è rimasta celebre per aver scatenato il panico negli Stati Uniti: molti ascoltatori infatti non si accorsero che si trattava di una finzione e credettero che la Terra stesse realmente subendo lo sbarco di una flotta di astronavi marziane.
La gente comune indossò maschere antigas della prima guerra mondiale, militari in licenza furono richiamati in servizio, molti scapparono in preda al panico affermando di aver visto davvero i marziani!
Welles non aveva previsto le reazioni del suo pubblico e non aveva nessuna intenzione di fare uno scherzo. Finita la trasmissione si recò in un teatro vicino per prendere parte alle prove serali di uno spettacolo, venendo a conoscenza solo il giorno dopo del putiferio che la sua interpretazione aveva scatenato.
Solo al mattino, all’uscita dei quotidiani, tornò la calma.
A dire il vero, Welles dichiarò che l’adattamento sembrava noioso, che non avrebbe neppure voluto proporlo, ma in quel momento si ritrovava senza materiale interessante a disposizione. Il regista raccontò che “furono le dimensioni della reazione ad essere sbalorditive. Sei minuti dopo che eravamo andati in onda le case si svuotavano e le chiese si riempivano; da Nashville a Minneapolis la gente alzava invocazioni e si lacerava gli abiti per strada. Cominciammo a renderci conto, mentre stavamo distruggendo il New Jersey, che avevamo sottostimato l’estensione della vena di follia della nostra America.”
Per il regista si trattò di una enorme pubblicità, che portò la RKO a offrirgli un contratto per la realizzazione di tre film a Hollywood. Ma il prezzo pagato a livello umano e sociale fu altissimo: alcuni morti, parecchi feriti, danni valutabili in milioni di dollari.
La finzione radiofonica si era tradotta in una realtà da incubo.
Quella stessa realtà che il mondo, precipitato nella Seconda Guerra Mondiale, avrebbe conosciuto pochi anni dopo.

Risorse esterne:
Trascrizione dell’adattamento di Welles
File MP3 in audio streaming del programma originale al Mercury Theatre on the Air

Condividi con i tuoi amici

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.